Sanificazione delle lavorazioni post-raccolta con l'ozono - SAIM Service
Post-Harvest
Dal campo alla tavola, aggiungiamo valore al vostro lavoro
Italiano   English
Concentrazione alta, bassa?
Sono due valori indicativi del range di utilizzo dell'impianto. Fondamentalmente un generatore di ozono potrebbe essere programmabile a piacimento fino al valore massimo teorico producibile da quel tipo di impianto. La relazione tra prodotto e concentrazione è molto importante al fine del miglior risultato finale. Solitamente si usano alte concentrazioni di ozono, in modo tale da favorire la velocità di azione sul prodotto. Casi sperimentali indicano che: nelle FRAGOLE e nelle PESCHE si ha una reale diminuzione della carica batterica; nelle ALBICOCCHE si ha un arresto della proliferazione ed un iniziale e graduale arretramento della carica batterica; negli AGRUMI si ha immediatamente una diminuzione del 20% della carica batterica superficiale, per poi avere un costante miglioramento per tutto il periodo di trattamento. Questi risultati, differenti anche se leggermente, mostrano come le diversità delle composizioni chimico-fisiche dei frutti giocano per l'azione dell'ozono. Infine occorre sottolineare che i miglior risultati in materia di qualità e tempo, si ottengono con alte concentrazioni di ozono; e se se ne volessero utilizzare di basse? L'azione non cambia, il prodotto della reazione è sempre un frutto sanificato; tuttavia cambia il tempo di trattamento, che può variare di molto. Qui bisogna dare conto perciò del reale bisogno che si ha: usare maggiori concentrazioni implica un utilizzo più performante della macchina, minori concentrazioni invece favoriscono un minor consumo di energia.